CANAPALEA - QUESTIONARIO SUGLI USI DELLA CANAPA IN EDILIZIA

Invito rivolto alle Aziende, Professionisti, Imprese Edili, Artigiani


...Continua a leggere

Elezione Comitato Etico

ANAB invita a proporre le candidature per la partecipazione al Comitato Etico


...Continua a leggere

Patrocinio ANAB a ESBG 2017

EUROPEAN STRAWBALE GATHERING Venezia 15-19 giugno con sconti per i nostri soci


...Continua a leggere
venerdì, 8 gennaio 2016

SEMINARIO VERDE PENSILE

Cagliari 7-8 aprile

Si terrà a Cagliari il 7 e 8 aprile 2016 il prossimo seminario sul Verde Pensile organizzato da ANAB.

 

 


L'evento formativo di Cagliari fa parte di un percorso di approfondimento sul Verde Pensile promosso da ANAB a partire dal convegno ANAB tenutosi a Roma nel 2014 (http://goo.gl/jWPCXS). Successivamente a tale evento è stato programmato un ciclo di Seminari di approfondimento sul Verde Pensile, il primo dei quali si è già tenuto a Roma nel gennaio 2015 (http://goo.gl/A3NbPL), a cui fa seguito l'evento in programma a Cagliari per il 7-8 aprile. Seguiranno ulteriori date (Milano, Palermo, Padova o Treviso, Bologna o Genova), attualmente in fase di organizzazione per i prossimi mesi.

Il corso ha ricevuto diversi importanti patrocini, fra cui Ministero dell'Ambiente, Istituto Nazionale di Urbanistica, Associazione Nazionale Città della Terra Cruda ecc., AIAPP Lazio-Sardegna, AIVEP, ANACI, Sardegna Ricerche, Coldiretti Cagliari, Associazione Amici del Giardino di Sardegna,Confartigianato Sardegna, DEI - Edizioni del Genio Civile.

L'evento formativo, che è organizzato in due giornate di approfondimento sarà ospitato dall'Istituto Tecnico Agrario "Duca degli Abruzzi" di Elmas. In cattedra si alterneranno alcuni esperti di livello nazionale, che esporranno i contenuti progettuali del verde pensile secondo diversi approcci e punti di vista.

Il seminario, organizzato in collaborazione con l'Ordine Dottori Agronomi della Provincia di Cagliari, la Rete delle Professioni Tecniche della Sardegna e il DIPSE (Dipartimento Progetto Sostenibile ed Efficienza Energetica dell'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia è destinato principalmente ai progettisti (ingegneri, architetti, dottori agronomi e forestali, geometri, ecc.) per cui sono stati già ottenuti i crediti formativi, ma anche agli artigiani, ai vivaisti e alle imprese edili, tanto che, a fianco di Ordini Professionali e Associazioni, ANAB ha chiesto di il patrocinio dell'evento anche a Confartigianato e Coldiretti.

 

Vedi l'offerta speciale della casa editrice Dei per gli iscritti al Seminario QUI.

NOTA IMPORTANTE PER GLI ARCHITETTI: gli architetti, per poter ottenere i crediti professionali, successivamente alla preiscrizione e dopo conferma dell'attivazione del corso (con mail che sarà inviata da ANAB) dovranno effettuare l'iscrizione e il pagamento della quota tramite la piattaforma dell'Ordine di Cagliari IM@TERIA (e NON tramite ANAB). A tutti gli interessati  saranno inviate le informazioni di dettaglio alla conferma dell'evento (raggiungimento del numero minimo di iscritti).

Download:
 Corso verde pensile Cagliari 2016 - Locandina v.9c

 

COME ARRIVARE:


L'Istituto Tecnico Agrario Cettolini è ubicato in Via Acquedotto Romano, Zona industriale Est di Elmas (a brevissima distanza dall'aeroporto di Cagliari-Elmas), ed è raggiungibile in auto passando accedendo alla circonvallazione dell'area industriale (S.S. 391) dalla S.S. 130 o dalla S.S. 131.
E' anche raggiungibile con la linea urbana CTM n. 9 in direzione Elmas fermandosi alla fermata "Istituto Tecnico Agrario" lungo la S.S. 130 e percorrendo poi a piedi circa 300 m.

 



VERDE PENSILE E ARCHITETTURA NATURALE

 

A partire dal tema della protezione della vita, considerato come elemento centrale del confronto sulla sostenibilità, ANAB propone criteri progettuali basati sull'architettura naturale:


- attenti alla qualità della vita e alla salute dell'uomo;
- che comportino un impiego di energie e/o risorse ambientali minimo o nullo, con modalità e strumenti tali da poter essere assimilati il più possibile a un processo “naturale”;
- in grado di rendere gli edifici e i manufatti dei veri e propri organismi viventi, per promuovere un vero equilibrio ecologico con i luoghi nei quali in cui sono inseriti e che necessariamente trasformano.


Dalla proposta dell'architettura naturale emerge la necessità di una rilettura profonda, una sorta di rifondazione dell'Architettura stessa, per fare in modo che essa, partendo da un approccio basato su un ampio campo di ricerche interdisciplinari e interconnesse, sia in grado di proporre ed aggiornare i modelli di Architettura del Nuovo Millennio.
Il tema progettuale del verde pensile si inserisce a pieno titolo fra le tematiche affrontate dall'architettura naturale, perchè esso costituisce da un lato un componente tecnico in linea con gli obiettivi di sostenibilità, che permette di migliorare le prestazioni ambientali di un manufatto, dall'altro un elemento quasi metaforico del corretto rapporto con l'ambiente.


Il valore in termini di sostenibilità del verde pensile, infatti, si può interpretare in relazione alla sua funzione di interfaccia fra l'edificio, il sistema urbano e la natura, considerarlo cioè un "limen" ecologico fra l'edificio e il sistema urbano, un elemento di confine determinante per poter ottenere una corretta relazione con il contesto ambientale.
E' perciò possibile una duplice lettura del suo ruolo, una più prettamente progettuale, caratterizzante per l'architettura dell'edificio e riferibile alla capacità di migliorare e "regolare" alcune delle funzioni insediative di una costruzione, e una urbanistico-ecologica, che invece sottolinea il ruolo del verde pensile nelle relazioni con l'ecosistema urbano.
In relazione all'edificio l'uso del verde pensile permette l'integrazione nel progetto di una componente ambientale (un sistema suolo-vegetazione) funzionale al miglioramento delle qualità architettoniche, del tutto coerente con la concezione di architettura naturale che ANAB propone.


Dal punto di vista urbanistico, invece, il verde pensile non solo è un importante elemento bioclimatico, utile a favorire il miglioramento della qualità della vita e della salute negli spazi urbani, ma consente anche di superare un modello di sostenibilità basata su una ricerca della "riduzione degli impatti antropici", aprendo invece ai criteri di una "rigenerazione naturalistica" del terrritorio e in particolare degli ambiti urbani che possa spostare gli obiettivi di sostenibilità da una dimensione negativa ad una positiva, avendo come obiettivo "aggiungere" natura ad sistema artificiale invece che ridurne la presenza.


La norma UNI 11235 (da poco aggiornata) e la L. 14 gennaio 2013 n. 10 "Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani" possono favorire la diffusione del verde pensile e concretizzare un percorso già intrapreso da alcuni regolamenti edilizi in Italia, prendendo anche come riferimento alcune esperienze internazionali consolidate (come Berlino, Malmoe, Seattle, Chicago o Vancouver, solo per citarne alcune), nella direzione di una integrazione sempre maggiore del verde pensile nelle soluzioni dell'architettura naturale.
P. Callioni

 

Per informazioni: p.callioni@anab.it

 

 

 

SEDE LEGALE via Cipro 30 25124 Brescia - Italia - Contatti: tel. 06 51604667 - fax 06 51882448
PARTITA IVA / CODICE FISCALE 02392730160 - IBAN: IT 40 W 02008 11220 000100461946
    Sponsor